DSC_0074Una società che non crede più al benessere dell’umanità, uno che crede solo nelle cose materiali e culturali che gli appartengono, che uomo è? Una società civile garantisce la speranza di una vita migliore a tutti i cittadini del mondo e un futuro dignitoso alle generazioni che verranno. Tra il vecchio schema ideologico comunismo contro liberismo, che ha generato un conflitto nella società e delle coscienze che la compongono, tra ciò che deve essere comune a tutti anche a costo di reprimere le libertà individuali e tra chi ha la libertà di fare ciò che vuole contro ogni principio e senza rispetto delle libertà altrui, io preferisco l’ideologia della qualità della vita che tiene insieme tutti quegli aspetti positivi dell’uno e dell’altro, escludendo invece quegli eccessi patologici che appartengono sia al comunismo e sia al liberismo, attraverso la scoperta di una forma di benessere meno superficiale, tenendo ben presente che la vita e la qualità della stessa di uno dipende da quella di altri e di altre specie, i diritti della catena vivente, che vanno tutelati e rispettati per il bene di tutti i cittadini del mondo. Questa è e dovrà essere l’evoluzione divina della specie umana. Con questa mia sintesi vi ho dato l’opportunità di credere in un percorso ideologico nuovo e più adatto alla società contemporanea, per una nuova fase costituente della società organizzata, per la modernità e il progresso.

Colgo l’occasione per inviarvi a tutti i miei migliori saluti e vi ricordo che fra qualche mese uscirà la quarta edizione del mio libro Ideologia della qualità della vita. Grazie!