Edilizia sostenibile Napoli è una risorsa politica, economica e sociale. Politica perché ci vuole la macchina amministrativa degli enti locali a dare indicazioni precise su come costruire, dando opportunità, fiducia e credibilità. Economica perché migliora l’equilibrio economico, aumenta la produttività e il benessere economico, con più lavoro di qualità, nonché crescita demografica e così via. Di conseguenza diventa anche una risorsa sociale perché le persone vivono meglio con maggiori opportunità di benessere, in un ottica di rispetto degli ecosistemi e degli equilibri naturali. L’edilizia sostenibile si inserisce nell’ambito più ampio dell’edilizia urbana dell’ideologia della qualità della vita (in sigla IQDV). Questo perché vengono interessati una serie di indicatori dell’IQDV.

Progetto mansarde abitabili nell’area nord di Napoli

La mia casa di pro­prie­tà di fa­mi­glia è una pic­co­la par­te del cor­po di fab­bri­ca di un’an­ti­ca mas­se­ria ri­strut­turata si­tua­ta nel­l’ot­ta­va mu­ni­ci­pa­li­tà di Na­po­li. Essa fi­gu­ra fra le 5000 pra­ti­che di con­do­no edi­li­zio ex. leg­gi 47/​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​85 e 724/​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​94 mai esa­mi­na­te, pur es­sen­do tra­scor­si 30 anni dal 1985. Vor­rei co­strui­re una man­sar­da abi­ta­bile con tut­ti i cri­te­ri mo­der­ni di si­cu­rez­za e re­cu­pe­ro ener­ge­ti­co, però non pos­so per­ché non ho an­co­ra ri­ce­vu­to la li­cen­za edi­li­zia.

centro urbano

Edilizia sostenibile Napoli significa rilanciare lo sviluppo del settore secondario

Permettere lo svi­lup­po del­l’e­di­li­zia di qua­li­tà quar­tie­re per quar­tie­re, eli­minan­do il de­gra­do del­le pe­ri­fe­rie, mi­glio­ran­do la bel­lez­za e la vi­vi­bi­li­tà dovrebbe essere la prerogativa di una classe dirigente. Quindi attuare pro­get­ti fun­zio­na­le alla so­ste­ni­bi­li­tà ener­ge­ti­ca, con in­ve­sti­men­ti so­cial­men­te uti­li ai cit­ta­di­ni. I vantaggi potrebbero essere no­te­vo­li con pro­fit­ti per in­ve­sti­to­ri, im­pren­di­to­ri e ban­che che po­treb­be­ro con­ce­de­re pre­sti­ti a chi co­strui­sce una man­sar­da. Pertanto anche il cittadino finale ne trae un vantaggio visto che la mansarda costruita con tutti i migliori criteri di sostenibilità ambientale valorizza la propria proprietà. Infatti abbellisce, dà opportunità ad un figlio di poterla abitare oppure fit­ta­rla per ri­pa­ga­re più fa­cil­men­te il mutuo ottenuto per realizzarla.

Effetto domino della crescita del benessere

Questo è un semplice esempio del concetto di effetto domino della crescita del benessere secondo l’ideologia della qualità della vita. Tutti i soggetti interessati sono collegati tra loro per beneficiare insieme dei vantaggi e profitti. L’utilità di questo progetto è dell’intero sistema territorio in quanto accresce la qualità della vita e il bene comune. Inoltre, non sono da sottovalutare ne i benefici diretti ne quelli indiretti, provenienti da una maggiore produttività, più gettito fiscale, migliori opportunità di lavoro, crescita del potere d’acquisto e così via. Il tutto contribuirà a rendere una società eticamente migliore. L’insieme di tutti questi aspetti favoriscono una crescita pluriennale, creando stabilità e fiducia nel futuro e così via.

Approfondimento del Progetto

Alcuni dettagli del progetto mansarde abitabili li trovi su questo link CLICCA QUI. Nonostante i vari tentativi tecnici per affrontare il problema politico. Alcuni dei quali è quello raccontato dal consigliere comunale Carlo Migliaccio e attuale presidente della Commissione Ambiente e Mare del Comune di Napoli. Il consigliere soluzione di diversificare le zone da quelle vincolate e non, in modo da fare una diversificazione delle pratiche, con lo scopo di pianificare un lavoro di rilascio delle licenze, cosa che non è avvenuta durante l’amministrazione De Magistris.