Riforma sanitaria dell’IQDV

untitled

Il Servizio Sanitario Nazionale nasce il 24 dicembre 1978 con la legge n.833, che introduce un modello universalistico di tutela della salute a carico della fiscalità generale, sostituendo il vecchio sistema mutualistico

Un mio parente con una gravissima patologia al cuore, nonostante l’urgenza non ha potuto fare l’operazione in Campania a causa dei tempi di attesa troppo lunghi, per cui essendo la sanità campana non pronta per adempiere a questo suo dovere, siamo stati costretti a rivolgerci alla sanità della Regione Emilia Romagna dove è stato operato in tempi brevi in un centro d’avanguardia, con risultati eccellenti, e la prestazione è stata pagata dalla Regione Campania perché inadempiente. Così funziona per tutte le prestazioni sanitarie garantite dal servizio sanitario nazionale gratuite o in parte, pagando un ticket, i cosiddetti livelli essenziali di assistenza, in sigla LEA. L’istituzione di questi fu promulgata teoricamente con il decreto legge 30 dicembre del 1992 n.502, con il quale videro anche la nascita le aziende sanitarie, il federalismo fiscale, la sanità regionale e così via (tutti aspetti connessi alla modifica del famoso titolo V della Costituzione italiano, voluto dalla Lega Nord di Bossi ed avallato da tutta la partitocrazia dell’epoca centrodestra e centrosinistra. Poi negli anni successivi sono stati attuati miglioramenti legislativi per definire i LEA e per renderli effettuabili su tutto il territorio regionale e distrettuale, con scarsi risultati per come sono andati i fatti, poiché sono ancora molti i cittadini che da regioni inadempienti e inadeguate sono costretti a spostarsi in altre per curarsi degnamente. Non si capisce perché è mancata la concertazione con i comuni, né perché le prestazioni non siano migliorate nonostante la preparazione e le competenze dei medici, spesso alle prese con carenze strutturali e organizzative.

In sintesi in Italia esiste una sanità di serie A e una di Serie B, nella quale si creano disuguaglianze e disparità, così le realtà ospedaliere che lavorano di più hanno anche più risorse per migliorarsi, mentre chi ha meno risorse finanziarie si indebolisce, chi se lo può permettere va a curarsi fuori regione, ad un costo maggiorato, contribuendo ulteriormente a indebolire il sistema da cui si parte.

iqdvQuesto meccanismo porta alla sfiducia e alla perdita di competitività, l’ideologia della qualità della vita, in quanto scienza degli equilibri di stabilità funzionali al benessere e alla riduzione del rischio, dà un’efficiente ed efficace soluzione al problema.

In questo modo avremo una sanità territoriale preparata, organizzata e strutturalmente adeguata per prevenire le malattie impartendo stili di vita ed un’alimentazione corretta, e per curare al meglio ogni tipo di patologia, mettendo al centro l’ammalato.

Approfondiamo le soluzioni dell’IQDV:

la fiducia, la credibilità e la competitività di un’azienda sanitaria è data dalla qualità della prestazione offerta, che dipende dalla competenza dei medici e operatori sanitari, dai macchinari e dalla struttura, il rischio sanitario aumenta con la complessità della malattia, l’incompetenza e lo stress degli operatori sanitari, la disorganizzazione, la mancanza di macchinari e di presidi sanitari e le carenze strutturali, il quale è influenzato anche dalla mancanza di fondi necessari alla formazione, alla modernizzazione e ristrutturazione, ma anche dalla scarsa previsione di chi gestisce la struttura, e dalle miope capacità di previsione politica, che spesso tende ad essere un rischio, quando si piazzano uomini senza competenze al posto sbagliato.

Perciò il personale addetto, a qualsiasi livello, deve essere adeguatamente formato e preparato a svolgere la sua funzione al meglio. La negligenza dovuta a pigrizia e insensibilità va contrastata con la formazione e perizie psicologiche periodiche sugli addetti ai lavori. La mancanza di risorse finanziare per fare periodici corsi di aggiornamento e di efficientamento strutturale si può affrontare con la ripartizione efficiente delle risorse, riducendo gli sprechi, molto importante è la volontà politica, che deve legiferare in modo equo per ridurre le differenze, garantendo standard adeguati di assistenza su tutto il territorio nazionale, evitando che persone siano costrette a spostarsi da un quartiere all’altro o da una regione all’altra per motivi sanitari ecc.

La funzione di sviluppo deve essere adeguatamente accompagnata da una puntuale funzione di controllo, trasparente e lineare, non ricattabile. C’è bisogno d’implementare una struttura organizzativa tracciabile, affinché ogni responsabilità sia individuabile, affinché la giustizia penale e civile possa fare il suo corso individuando la responsabilità personale o associativa.

Una sanità che funzioni in modo efficiente dipende molto anche dall’azione preventiva quartiere per quartiere, quindi la concertazione territoriale è importante, con specifici reparti deputati alla prevenzione a livello locale, che sappiano impartire e consigliare giusti stili di vita, prevenendo patologie importanti, lavorando molto sulla personalizzazione cosicché da consigliare lo screening giusti al momento giusto evitando l’ingolfamento dei reparti e lo stress da lavoro, il quale è un fattore di rischio da cui spesso dipendono gli errori e la mala sanità.

Pertanto la personalizzazione delle cure, potenziando sul territorio la presenza di presidi di posturologia e osteopatia, affinché i cittadini siano maggiormente educati alla prevenzione, per evitare l’insorgere di patologie evitabili con il giusto stile di vita, anche questo garantito da un servizio sanitario locale. Insomma l’unico modo che si ha di rendere efficiente, senza sprechi la sanità, è di puntare sull’organizzazione preventiva pianificando e personalizzando.

Chiunque sia interessato a conoscere meglio il nostro pensiero e le nostre iniziative è invitato a proseguire la navigazione. Un compendio pratico ed esaustivo è inoltre disponibile nell’ultima edizione del libro “Ideologia della Qualità Della Vita” di D. Esposito.

Copyright Domenico Esposito. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa, se non nei termini previsti dalla legge art. 631 del 1941 e successive modifiche, che tutela i diritti dell’Autore. Per ogni informazione contattare l’autore all’indirizzo di posta elettronica info@laqualitadellavita.it #Ideologiadellaqualitàdellavita