Napoli

ortofoto-con-parcoNapoli si affaccia ad anfiteatro su uno dei golfi più dolci e incantevoli del mondo, ha un clima mite ed è una meta romantica per i suoi panorami e per i numerosi paesaggi naturalistici. Inoltre, è una città ricca di monumenti derivanti da una storia millenaria che si è sedimentata nel tempo a partire dalle colonie greche e romane. Per tutto questo e per la sua posizione strategica nel mediterraneo  è sempre stata al centro di molteplici interessi culturali e contese di tipo commerciali e militari, da parte di uomini di potere, artisti di vario genere, statisti e imperatori. Offre ai visitatori una varietà di modi di essere che ne fanno ancora oggi una meta ambita e rinomata, anche se la qualità della vita, soprattutto in alcune zone, ore e periodi del giorno e dell’anno è molto precaria. 

A maggior ragione in questo periodo di crisi economica, per l’eccessiva disoccupazione giovanile, si respira un’area di sfiducia, anche perché la politica che dovrebbe dare le giuste risposte appare assente; essa è inadeguata, soprattutto perché mancante d’idee progettuali e infrastrutturali necessarie allo sviluppo economico e alla crescita della qualità della vita. Quest’ultimo punto pare che sia un problema strutturale della politica che ha governato la città negli ultimi venti-trenta anni, una grave mancanza, tanto ché molti pensano, e io sono uno di questi, che la causa principale di questo dato sia da attribuire all’incapacità dei singoli e alle rispettive forme mentis non adatte al governo della città, soprattutto per mancanza di conoscenza del concetto di qualità della vita. Ed è proprio partendo da questa semplice costatazione che alcuni anni fa ho elaborato la Teoria del Praticone Superficiale (Teory of surface praticone) e una serie di applicazioni utili allo sviluppo della città, tra cui il Progetto Napoli, ovvero piano di sviluppo territoriale applicazione della teoria generale ideologia della qualità della vita, oppure il progetto Parco della Crescita Felice riguardante Bagnoli ecc. ecc.

il-giornalerealt-C3-A0-di-napoli